L'ANGOLO DELLA PSICOLOGIAL'ANGOLO DELLA RISATA

Yoga della Risata e Metamedicina

Lo Yoga della Risata abbatte gli effetti negativi dello stress sul corpo, che è la causa principale di molte malattie. Rafforza il sistema immunitario, abbassa la pressione sanguigna, regola il livello di zuccheri nel sangue e tiene il cuore in salute. È un potente antidoto contro la depressione, al giorno d’oggi la malattia numero uno.

La Metamedicina, o Psicosomatica, considera ogni sintomo del nostro corpo come un messaggio dell’anima che va ascoltato e interpretato per risalire alla causa che lo genera… L’interconnessione tra un disturbo e la sua causa d’origine psichica si riallaccia alla visione olistica del corpo umano, all’interno della consapevolezza che mente e corpo sono strettamente legati in virtù dell’unità psicofisica. Uno degli indirizzi più promettenti della ricerca in psicosomatica negli ultimi trent’anni (grazie anche allo sviluppo e alla nascita di nuove tecniche e tecnologie biomediche) è la psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI), che ha l’obiettivo di chiarire le relazioni tra funzionamento psicologico, secrezione di neurotrasmettitori a livello cerebrale, ormoni da parte del sistema endocrino e funzionamento del sistema immunitario.

E’ proprio qui che lo Yoga della Risata trova il suo collocamento.

L’esercizio della risata, oltre che cambiare istantaneamente l’umore e farci sentire leggeri e gioiosi, mette in atto tutta una serie di risposte endocrine: sentimenti ed emozioni sono la traduzione dell’azione di alcuni neurotrasmettitori, che a loro volta sono strettamente collegati al sistema ormonale.

Ridere aumenta la produzione del cosiddetto Joy Cocktail, ovvero una serie di neurotrasmettitori ed ormoni che portano un profondo senso di benessere e felicità!

Vediamoli…

  • Endorfine, sono sostanze chimiche prodotte dalla ghiandola pituitaria (ipofisi) e dall’ipotalamo dotate di elevati poteri analgesici ed eccitanti. Le endorfine sono i nostri antidolorifici naturali e sono coinvolte in numerosi processi tra i quali: la regolazione della temperatura corporea, la regolazione dell’umore, la produzione ormonale, la regolazione dell’appetito, la regolazione del sonno, la percezione dolorifica (le endorfine aumentano la tolleranza agli stimoli dolorifici), le reazioni ad eventi stressanti sia di tipo fisico che psichico ecc.
  • Ossitocina, l’ormone dell’amore, responsabile dell’istinto materno nella femmina dell’uomo e di tutti i mammiferi. Questo neurotrasmettitore, rilasciato dall’ipofisi posteriore, è anche  responsabile della fedeltà e dell’attaccamento al compagno e riveste  un ruolo importante nella nascita del sentimento dell’amicizia.
  • Serotonina, l’ormone della felicità, ha anche l’effetto di diminuire l’aggressività.
  • Feniletilamina (PEA) -> dopamina e noradrenalina. La PEA è una sostanza chimica stimolante, la vera responsabile dello stato euforico e della trepidazione caratteristici degli innamorati, stimola la libido ed è alla base dell’atteggiamento positivo che la maggior parte di noi sperimenta all’inizio di un rapporto amoroso. La feniletilamina, stimola il rilascio di dopamina, l’ormone del piacere; è strettamente legata ad una rete di neuroni che genera sensazioni piacevoli di benessere in seguito a comportamenti che soddisfano alcuni stimoli primari come la fame, la sete, il desiderio sessuale. Ha anche molte funzioni nel cervello, gioca un ruolo importante in comportamento, cognizione, movimento volontario, motivazione, sonno, umore, attenzione, memoria di lavoro e di apprendimento. Agisce sul sistema nervoso simpatico causando l’accelerazione del battito cardiaco e l’innalzamento della pressione sanguigna. Allo stato di benessere determinato dalla dopamina si aggiungono una trepidazione ed un’agitazione generale determinate dalla noradrenalina, molecola diffusa nel sistema nervoso, soprattutto nell’ipotalamo e nel sistema limbico. Questa molecola provoca eccitazione, euforia ed entusiasmo.

Insomma abbiamo capito che ridere fa bene ed è scientificamente provato!!! E quando il nostro corpo sta bene e il nostro animo è gioioso, difficilmente si ammala!

La felicità non è assolutamente un’emozione, ma è uno stato d’animo, un modo di essere che non dipende da quello che, bello o brutto, ci capita fuori, ma dipende esclusivamente da come noi siamo e quando impariamo ad essere felici, allenando il nostro corpo alla gioia, difficilmente perderemo questo modo di essere!

Dott.ssa Emy D’Erasmo

Share:

Leave a reply